autori Poeti contemporanei

Icona Profilo | Posta

LIDEA, NON....DEALI 

Qualche volta ti sento,.... sono sicuro... sei tu,
il tuo volto col vento arriva fino  a me:
quelle volte mi pento della mia gelosia
ma soltanto un momento.... e il vento presto ti  fa volare  via .

Ma io voglio un oceano di colori e luci,

voglio un tappeto che corre veloce,

voglio un gregge che pascola nel cielo,

voglio un enorme cappello di pioggia,
voglio una donna che gira nel sole,

voglio un cielo di muschio e di  lana.

E allora ingabbiero' il vento,

alle porte di quel buio, dove il silenzio

e' la voce sguaiata di una vecchia senza amore:

la mia sara' una ridente nostalgia di un cuore,

una confusione,  tra vita e.... poesia,

E mi domando se un'idea come sei tu, una idea ...perche' tu sei solo lidea (non deali),
possa essere legata a una catena:
ho provato una gran pena, credimi
ascoltando il vento fuori,
che corre libero, ovunque va,ovunque vuole
come adesso i miei pensieri verso di te.

E allora ingabbiero' il tempo,

perche' la moglie di un pedestre comandante  non puo' vivere

solo e da sola nella mia mente:

perche' l'amore non basta mai nell'ora

che e' sospesa tra gli angeli,

perche' col vento non passa mai il tempo  e

questo tempo mi ha cercato, ti ha cercato,ci ha cercato.... mentre io cercavo te

o forse mi illudevo di cercare.

E io sono un po' folle, un po' saggio
nello spendere sempre ugualmente la mia  paura e il  mio coraggio,
la paura e il coraggio di vivere come un peso che ognuno ha portato,
la paura e il coraggio di dire: " io ho sempre tentato
io ho sempre tentato,  io ho sempre tentato... almeno".

Ma non ingabbiero' te,

non ti chiudero' in nessuna gabbia, neppure di oro,

perche' voglio ancora leggere nei colori del vento,

perche' voglio sentire i suoni immemori del tempo,

perche' voglio guardarmi di spalle mentre parto,

perche' voglio pescare il pesce d'oro di un  mio e tuo impossibile sogno,

perche' voglio scendere dalle stelle per toccare la tua bocca,

perche' voglio rubare le chiavi al cielo e darle a te,

perche ' l'inferno esiste ma solo per me che lo temo,

perche' la paura dura piu' dell'amore e io non voglio aver paura ....ma ho paura,

perche' sono un bambino che cammina sull'acqua e tu sei le mie rotaie,

perche' sono un uomo che insegue la tua ombra che si chiama ,anche, nostalgia di me.

E ti lascero',

perche' non voglio essere violentato dal tuo sogno,

perche', proprio io,  ho paura di trovare la tua chiave,

perche' non voglio sentire il suono della tua eternita' che mi rende sordo,

perche'  una  tua nota suona falsa nel pentagramma della mia vita,

perche' manca il tuo lievito che porta alla perfezione dell'amore,

perche'  non voglio trovare una tua conchiglia rossa nella rete delle mie illusioni,

perche' non voglio stare al caldo abbraccio di una tua  doccia fredda,

perche' non voglio tue  promesse che non saranno mai pagate,

perche' non posso svenderti i miei sogni,

perche', alla fine, mi hai detto e ,forse, mi hai dato solo...le tue "stronzate".

E ti lascero',

e quel giorno senza di te non sara' un giorno triste:

lo regalero' ad un uomo fermo sulla strada che va verso il  sole,

all'eco silenzioso di una immagine ormai troppo lontana,

al famelico cuore di un  leone assetato,

a qualcuno che insegue la vita regalando sorrisi,

alla gelida carezza di una violenza subita,

alla donna che entra in un giardino  ormai senza cancello,

a qualcuno che si e' perso nel suo stesso abbandono,

E ti lascero'........

per poter vivere  di nuovo e ....sognare

ospite di un ballo in maschera in cui tu non ci sei e io sono solo la maschera,

una maschera che unisce piacere ed amore senza poter mai creare....un dolore!

Elio Francescone