autori Poeti contemporanei

Icona Profilo | Posta

  RISVEGLIO

L'ora pi¨ buia Ŕ quella del mattino,
fase di mutili grovigli e nodo
di pensieri recisi.

Abbiamo dato chiusa sepoltura
ai nostri brevi cani e ai nostri morti
e la porpora viva del rimorso
sanguina in tenue cecitÓ. La notte
spegne candele di cipressi, sale
in taciuti riflessi e fiamme grevi.

L'occhio disegna un'esile equazione
fra litania e squillo di tromba.
╔ tempo
di scuoiare il rifugio della mano
come corteccia impoverita e siamo
genuflessi al miracolo del sole.

Funeraio Ŕ lo stelo che congiunge
gli emisferi dell'ombra e del digiuno
in meridiani panici. Sorgiamo
all'esatta cadenza del dolore.
 
     
  Cristina Sparagana