Lidia Ravera vince l’edizione 2013 del Premio Asti d’Appello

Lidia RaveraLidia Ravera è la vincitrice dell’edizione 2013 del Premio Asti d’Appello con il romanzo edito da Bompiani Piangi Pure. Il 24 novembre presso il teatro Alfieri di Asti la proclamazione della sua vittoria è stata accolta da un lunghissimo applauso dalla giuria e da un pubblico di circa 700 persone.
Protagonista dell’opera della Ravera è una donna di ottant’anni che si innamora nel crepuscolo della vita, mettendo in discussione i luoghi comuni che le donne di una certa età sono costrette, malgrado loro, a seguire.
La Ravera durante la premiazione ha confessato di provare un timore che non gli capitava da anni “da quando nel 1976 sono entrata in un salotto letterario con il vestito sbagliato”,  strappando risate ed applausi a scena aperta “Ma guardate i giudici! (Carlo Federico Grosso, Cristiana Maccagno Benessia, Marcello Maddalena, Carlo Nordio, Mario Barbuto, Luciano Violante, Giorgio Vitari, Paolo Rampini ). Li ho studiati durante le arringhe degli altri scrittori: rimangono impassibili, non muovono un muscolo! Ed io, una donna, sola, qui , davanti a loro!”

La motivazione del Premio assegnato data dai togati è stata: La giuria tecnica rileva l’alta qualità delle opere in concorso. Dalla combinazione dei voti delle tre diverse giurie è risultato vincente il libro di Lidia Ravera, PIANGI PURE (Bompiani). Il giudizio rispecchia l’apprezzamento per l’originalità della vicenda, la capacità di interpretare sentimenti, stati d’animo e condizioni umane di ciascun personaggio. La scrittura è limpida, la narrazione è delicata e coinvolgente.

Grande apprezzamento e tanti applausi anche per tutti altri gli scrittori in concorso: Letizia Muratori, con Come se niente fosse, (Adelphi); dal PREMIO VIAREGGIO – REPACI  Maurizio De Giovanni, con Vipera, (Einaudi); dal PREMIO CAMPIELLO  Giovanni Cocco, con La caduta, (Nutrimenti); dal PREMIO STREGA Alessandro Perissinotto con Le colpe dei padri ( PIEMME ) e Paolo Di Paolo con Mandami tanta vita ( Feltrinelli ); dal PREMIO RAPALLO Carola Susani con Eravamo bambini abbastanza (Minimun fax) e Anna Maria Falchi con L’Isola delle lepri (ed.Guanda); dal PREMIO BAGUTTA Fausta Garavini  con Storie di Donne (Bompiani) e dal PREMIO COMISSO Vincenzo Latronico con La cospirazione delle colombe (Bompiani).

La serata ha visto in apertura la premiazione come Maestro del Premio di Enzo Bettiza affiancato sul palco dal Presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Piemonte Alberto Sinigaglia. Al Maestro è stato consegnato dal Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio Michele Maggiora la targa creata ad hoc.
Pubblici ringraziamenti all’artista Antonio Guarene che ha realizzato l’illustrazione per il programma di sala e a tutti gli sponsor: la Banca C.R. Asti, la Fondazione C.R. Asti e la Fondazione CRT, la Regione Piemonte, il Comune di Asti, la distilleria Romano Levi di Neive, l’azienda agricola Castello di Uviglie e Eataly.

www.premioastidappello.org
Biblioteca Astense corso Vittorio Alfieri, 375- 14100 ASTI tel: 0141.593002 fax: 0141-531117 [email protected] –  www.bibliotecastense.it

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.